Capire il Novecento. Il migliore, il peggiore dei secoli

Notizie - Approfondimenti

Capire il Novecento. Il migliore, il peggiore dei secoli è una rassegna di eventi culturali e cinematografici, ideata e curata dal Comitato tecnico-scientifico di M9 coordinato da Gianni Toniolo.
La rassegna si compone di una serie di nove appuntamenti – quattro incontri e cinque proiezioni di film – nell’Auditorium di M9, che scandiscono l’avvicinamento all’inaugurazione del 1° dicembre insieme a Giuliano Amato, Gian Piero Brunetta e Denis Lotti, Aldo Cazzullo, Simona Colarizi ed Ernesto Galli della Loggia, Paolo Mieli.
L’obiettivo è proporre un’anticipazione del progetto culturale di M9, che vuole offrire al territorio un luogo d’incontro in cui confrontarsi e ragionare sulla contemporaneità, non solo attraverso i due piani del Museo multimediale del ’900, ma anche grazie a dibattiti, lezioni di storia, proiezioni cinematografiche e talk aperti a tutti i pubblici, che la rassegna “Capire il Novecento” inaugura il 20 ottobre.
20 ottobre, ore 11
Il ’900: le fratture, i protagonisti
Un dialogo tra Simona Colarizi ed Ernesto Galli della Loggia
24 novembre, ore 11
L’idea di Europa nel ’900
Lectio di Giuliano Amato
14 dicembre, ore 18
Uscire dalla guerra: il Natale del 1918
Un racconto di Paolo Mieli
20 dicembre, ore 18
Tutto da rifare: il Natale del 1948
Un racconto di Aldo Cazzullo
9, 16, 23 novembre e 7, 12 dicembre, ore 20
Il cinema racconta l’Italia del dopoguerra: i cammini della speranza
Rassegna cinematografica
curata da Gian Piero Brunetta e presentata con Denis Lotti:
9 novembre – Chi lavora è perduto (Tinto Brass, 1963)
16 novembre – Il posto (Ermanno Olmi, 1961)
23 novembre – Signore e Signori (Pietro Germi, 1965)
7 dicembre – C’eravamo tanto amati (Ettore Scola, 1974)
12 dicembre – Roma (Federico Fellini, 1972)
M9 Auditorium
Ingresso da via Alessandro Poerio, 24
Venezia, Mestre
Ingresso libero su prenotazione: www.m9digital.it

Anche M9 al centro dei laboratori del Welcome Design 18