Fondazione di Venezia, il Consiglio Generale approva il Documento Previsionale Programmatico 2021. Destinati agli interventi sul territorio 5,5 milioni di euro

Notizie - Comunicati stampa

Venezia, 22 dicembre 2020 - Oggi il Consiglio Generale della Fondazione di Venezia ha approvato il Documento Programmatico Previsionale (DPP) per l’esercizio 2021, che prevede uno stanziamento di 5,5 milioni di euro di erogazioni da destinare ad interventi al territorio nel prossimo esercizio. La quota più consistente degli interventi, pari a 2,550 milioni di euro, è destinata al settore dell’arte e dei beni culturali, 1,3 milioni sono invece destinati al settore dell’educazione, istruzione e formazione, 750 mila euro è la destinazione per la ricerca scientifica e tecnologica mentre 900 mila euro sono riservati a interventi a favore del welfare e delle attività del terzo settore.

La destinazione per i beni e le attività culturali prevede l’attivazione della programmazione espositiva in M9 ed il rafforzamento dei partenariati con le principali istituzioni culturali nell’ambito della città metropolitana e con le università, di cui saranno beneficiari la collettività e le associazioni e le stesse istituzioni culturali.

La destinazione al settore dell’istruzione e della formazione conferma, rafforzandoli, i rapporti di partenariato con le istituzioni e con le imprese del territorio, mentre un ruolo più attivo viene affidato a M9 Education e M9 Communities, le nuove unità costituite sotto la direzione artistica di Luca Molinari, dedicate all’elaborazione di progetti per la didattica, per la formazione. Destinatari delle attività saranno studenti di ogni età, dalle primarie alla formazione superiore, le famiglie e le comunità del territorio.

La destinazione al settore della ricerca punta alla realizzazione di iniziative a sostegno dell’innovazione, della conoscenza, del trasferimento tecnologico e della ricerca scientifica, con progetti condotti in collaborazione con gli istituti universitari e il coinvolgimento dei ricercatori e delle imprese.

Un’ulteriore erogazione è prevista a sostegno di iniziative di coesione sociale di contrasto delle disuguaglianze e della povertà educativa, con interventi a carattere generativo sui quali raccogliere la partecipazione attiva dei soggetti del Terzo Settore e la rete dei Centri di Servizio per il Volontariato, promuovendo la pluralità e la progettualità delle comunità di riferimento nei diversi distretti – centrali e periferici – dell’area metropolitana.

“Il Documento di Previsione approvato oggi dal Consiglio Generale – sottolinea il Presidente Michele Bugliesi – conferma la volontà della Fondazione di Venezia di accrescere il proprio ruolo a sostegno del territorio metropolitano, in particolare attraverso interventi capaci di trasformare le erogazioni in progetti condivisi, generativi e auto-sostenibili nel tempo. Una linea di indirizzo che mantiene particolare attenzione alla promozione del capitale umano, a partire dalle giovani generazioni e ai segmenti sociali più colpiti dalla crisi economica determinata dalla pandemia, e vuole valorizzare al meglio i risultati di una gestione efficiente ed efficace che riduce l’esposizione della Fondazione per il progetto M9 rendendolo pienamente organico all’azione che la Fondazione vuole condurre in sinergia con la città e le sue le istituzioni, pubbliche e private”.

 

 

In M9 Children una domenica per imparare divertendosi