Calendario di Eventi

L Lun

M Mar

M Mer

G Gio

V Ven

S Sab

D Dom

0 eventi,

1 evento,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

1 evento,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

0 eventi,

Magazine

M9 per “This is Ukraine: defending freedom”

Il PinchukArtCentre e la Fondazione Viktor Pinchuk, in partnership con M9 – Museo del ’900  nella veste di “ambasciatore culturale” per alcune delle opere arrivate in Italia, presenta come evento collaterale della Biennale Arte 2022 la mostra “This is Ukraine: Defending Freedom”, in programma alla Scuola Grande della Misericordia fino al prossimo 7 agosto. L’esposizione nasce in collaborazione con l’Ufficio del Presidente dell’Ucraina e con il Ministero della cultura e dell’informazione dell’Ucraina. Il Museo M9 è partner di questo evento collaterale e ha collaborato con la Fondazione Viktor Pinchuk all’ingresso in Italia e all’arrivo a Venezia di quattro capolavori storici in mostra, ossia due opere della pittrice Maria Prymachenko, una della pittrice Tetyana Yablonska e un’icona del diciassettesimo secolo attribuita al pittore Stefan Medytsky.

(Nell’immagine: Intercession of the Virgin di Stefan Medytsky)

L’esposizione, composta da due parti, conferma la saldezza culturale dell’Ucraina che da sempre, anche nei tempi più duri, si è distinta per capacità di pensiero critico e creatività. This is Ukraine: Defending Freedom parla di forza, creatività e amicizia, ma prima di tutto è dedicata alle libertà collettive dell’uomo: libertà di scelta, libertà di parola, libertà di esistenza.

Nella prima parte della mostra sono esposte le opere emotive monumentali di tre artisti contemporanei che, nonostante la guerra in corso, vivono e lavorano in Ucraina: Yevgenia Belorusets, Nikita Kadan e Lesia Khomenko. LNella seconda parte dell’esposizione gli artisti ucraini sono rappresentati insieme ai loro amici e colleghi internazionali, dalla Danimarca alla Francia, dalla Gran Bretagna al Giappone e alla Serbia, in un unico racconto corale, formando un vero e proprio fronte di “resistenza artistica” contro la guerra.

(Nell’immagine: Youth di Tetyana Yablonska)

M9 – Museo del ’900, sceso in campo a supporto dei beni del patrimonio culturale in Ucraina arrivati in Italia per la mostra, ha lavorato in cooperazione con il Ministero della cultura e della politica dell’informazione dell’Ucraina per salvaguardare questi capolavori dalla distruzione della guerra e diffondere attraverso l’arte un messaggio di pace.